COMUNICATO STAMPA

COMMERCIO UE – FORENZA (ALTRA EUROPA-GUE/NGL): «BENE SENTENZA CORTE UE GIUSTIZIA. CETA E TTIP PASSINO DA PARLAMENTI NAZIONALI, AL CONTRARIO DI QUANTO SOSTENGONO CALENDA &c.».


«La sentenza della Corte europea di Giustizia sul caso specifico dell’accordo tra Ue e Singapore –
dichiara Eleonora Forenza, eurodeputata de L’Altra Europa – gruppo GUE/NGL – stabilisce che, quando il trattato di libero scambio include temi fondamentali per i cittadini come ad esempio standard ambientali, diritti dei lavoratori e degli investitori e intacca le prerogative democratiche degli stati membri come le famigerate clausole ISDS, deve passare per le ratifiche nazionali. E’ un’ottima notizia e una conferma di quanto abbiamo da sempre sostenuto da tre anni a questa parte. Si tratta infatti di un precedente che sancisce un principio essenziale: nessun accordo commerciale di questo tipo anche in futuro potrà essere concluso e implementato senza che sia discusso e approvato anche dai parlamenti nazionali, al contrario di quanto hanno sostenuto Calenda e i paladini del TTIP e del CETA come il Partito Democratico.
Per noi e per il movimento contro il CETA ed il TTIP è una prima vittoria: non è possibile togliere la parola ai cittadini e ai parlamenti quando ci sono in ballo la difesa dei consumatori e degli standard ambientali.
Un’ottima notizia, dunque, che si somma ad un’altra sentenza, di pochi giorni fa, quella della Corte europea di Giustizia, che ha annullato la decisione della Commissione europea di non registrare la European Citizens Initiative (ECI) promossa dai movimenti contro il TTIP. Su quest’ultima importante presa di posizione a favore dell’ECI stiamo presentando come Gruppo GUE/NGL proprio in queste ore un’interrogazione orale che porti il tema nell’aula di Strasburgo e chieda alla Commissione Europea di rendere conto della maniera in cui è stata frettolosamente rigettata un’istanza democratica di cittadini, movimenti ed enti locali».

16 maggio 2017

 

Iscriviti alla newsletter

Ricevi aggiornamenti sulla mia attività e sulle novità dal Parlamento Europeo