«Ilva: salute, lavoro e alternative. Quale futuro per Taranto?» Incontro pubblico domenica 4 giugno

La situazione dell’#Ilva sarà al centro di un’iniziativa promossa dal gruppo parlamentare europeo GUE/NGL, dal titolo “Ilva: salute, lavoro e alternative. Quale futuro per #Taranto?” alle 18:30 di domenica 4 giugno. Il dibattito, che si terrà presso il caffè Zacapa a Taranto in via Pisa 4 , vedrà la partecipazione di Stefania Castellana e Salvatore

Ilva, parole e rassicurazioni non bastano. Nessun lavoratore vuole vivere di ammortizzatori sociali!

COMUNICATO STAMPA ILVA – FORENZA (ALTRA EUROPA-GUE/NGL): «PAROLE E RASSICURAZIONI NON BASTANO. NESSUN LAVORATORE VUOLE VIVERE DI AMMORTIZZATORI SOCIALI!» Eleonora Forenza, eurodeputata de L’Altra Europa-gruppo GUE/NGL, dichiara: «Le parole e gli impegni vaghi sia delle fonti Mise che di Renzi sulle sorti dell’Ilva di Taranto, come riportati dalle agenzie di stampa, non sono sufficienti. I

La nostra Europa, 23-25 marzo, Roma

Il 25 marzo i leader europei saranno a Roma, mentre l’Unione Europea è sull’orlo del collasso. Diseguaglianza e insicurezza sociale, diffuse a piene mani dall’austerità e da politiche ingiuste, alimentano culture e movimenti reazionari. Si moltiplicano razzismi, nazionalismi regressivi, muri, frontiere e fili spinati. I migranti sono le prime vittime, insieme alla democrazia e ai

Bari, ritirato licenziamento per Massimo Paparella: la lotta paga!

COMUNICATO STAMPA BARI – FORENZA (ALTRA EUROPA-GUE/NGL): «RITIRATO LICENZIAMENTO PER MASSIMO PAPARELLA: LA LOTTA PAGA!» «La lotta paga: è stato ritirato il licenziamento per Massimo Paparella, dalla Oerlikon-Graziano di Bari – dichiara Eleonora Forenza, eurodeputata barese de L’Altra Europa – gruppo GUE/NGL – Siamo felici che la mobilitazione dei lavoratori e della Fiom abbia portato

Bari, solidarietà a Massimo Paparella. A fianco della Fiom e dei lavoratori per difendere diritti che nessun padrone dovrebbe permettersi di ledere

COMUNICATO STAMPA BARI – FORENZA (ALTRA EUROPA-GUE/NGL): «SOLIDARIETà A MASSIMO PAPARELLA. A FIANCO DELLA FIOM E DEI LAVORATORI PER DIFENDERE DIRITTI CHE NESSUN PADRONE DOVREBBE PERMETTERSI DI LEDERE» «Tutta la mia solidarietà a Massimo Paparella licenziato dalla Oerlikon-Graziano di Bari – dichiara Eleonora Forenza, eurodeputata barese de L’Altra Europa – gruppo GUE/NGL – con la

Rignano, peggio degli slums di Nairobi…La politica scelga da che parte stare

COMUNICATO STAMPA RIGNANO – FORENZA (ALTRA EUROPA-GUE/NGL) in visita oggi al Gran ghetto: ” MI SONO VERGOGNATA DI ESSERE ITALIANA, SITUAZIONE PEGGIORE DEGLI SLUMS DI NAIROBI. LA POLITICA SCELGA DA CHE PARTE STARE” “Questa mattina – dichiara Eleonora Forenza, eurodeputata de L’Altra Europa-gruppo GUE/NGL – sono stata al “Gran Ghetto” di Rignano per osservare di

Rialto liberato! Ora basta sgomberi degli spazi sociali a Roma

COMUNICATO STAMPA RIALTO – FORENZA (ALTRA EUROPA-GUE/NGL): «BENE RIAPERTURA RIALTO. ORA BASTA SGOMBERI A ROMA» «Stamattina ho partecipato alla riapertura del #Rialto a Roma – dichiara Eleonora Forenza, eurodeputata de L’Altra Europa – gruppo GUE/NGL – , uno spazio importantissimo, di democrazia e cultura. La mia solidarietà agli attivisti che giustamente non si sono rassegnati

Elezione del nuovo presidente del Parlamento UE: intervento di Eleonora Forenza, candidata GUE/NGL

Car@ collegh@, desidero innanzitutto ringraziare la GUE/NGL per avermi candidata alla presidenza del Parlamento europeo. Una candidatura che non vuole rappresentare un gruppo, ma una speranza: una alternativa reale, una vera discontinuità, una proposta rivolta a tutt@ voi. Sono una femminista. Da una prospettiva femminista si può immaginare una Europa e una politica differente per

Testo dell’intervento al V Congresso della Sinistra Europea, Berlino 17/11/2016

Dear comrades, I’d like to thank all the Euopean Left Party  for organizing this congress. It is a great emotion for me to be here, in this common house where the word “comrade” is being pronouncing in several different languages but the meaning remains the same for all of us. Moreover, let me tell you