Migranti nel limbo del Cara, aspettando la relocation

http://www.redattoresociale.it – Una giornata passata al Cara di Castelnuovo di Porto: 844 ospiti, 570 dei quali hanno aderito al programma di “relocation”. Quella romana è la prima tappa della mobilitazione di LasciateciEntrare, che ha deciso di monitorare la condizione dei migranti nei diversi centri 22 giugno 2016 ROMA – “Aspetta” è una delle pochissime parole

25 giugno a Milano con Figen Yüksekdağ, copresidente dell’HDP (Partito democratico dei popoli della Turchia)

Serata di solidarietà con la lotta della sinistra e dei democratici turchi in difesa della democrazia e dei diritti del popolo curdo sabato 25 giugno alle 20.30 alla Festa di Rifondazione Comunista della Lombardia, a Cernusco Sul Naviglio (Mi), con Figen Yüksekdağ, copresidente dell’HDP (Partito democratico dei popoli della Turchia), Paolo Ferrero, Eleonora Forenza Si

23 giugno, Roma, presentazione del libro “Ada Colau, la città in Comune”

Giovedì 23 giugno alle 19.00, presso la Libreria Assaggi (via degli Etruschi 4, Roma) presenteremo il libro “Ada Colau, una città in comune” di Giacomo Russo Spena e Steven Forti. Interverranno: Giacomo Russo Spena (autore) Carlo Freccero (autore televisivo) Eleonora Forenza (parlamentare europea) Pippo Civati (deputato) Coordinerà: Alessandro Gilioli (giornalista de L’Espresso) ___________________ Quella di

Xylella, l’Ue apre la strada agli abbattimenti: una strage! Invitiamo alla disobbedienza civile

«La decisione della Corte di Giustizia Europea apre la strada a una vera e propria strage ambientale, che, non prevedendo indennizzi, rimborsi nè sussidi, potrebbe lasciare letteralmente in mezzo alla strada centinaia di persone e un intero territorio, sconvolgendone il tessuto produttivo e l’indotto degli ulivi – dichiara Eleonora Forenza, eurodeputata dell’Altra Europa – gruppo

Costruiamo l’alternativa all’Europa dell’austerità e della guerra. 8 Maggio a Roma per il Piano B

Costruiamo l’alternativa all’Europa dell’austerità e della guerra. 8 Maggio a Roma per il Piano B Il grande meeting di Madrid di fine febbraio 2016 ha lanciato la proposta di un Piano B europeo contro l’austerità, contro la guerra, i respingimenti e le politiche neoliberiste. Ha proposto anche una giornata di mobilitazione continentale il 28 maggio,

500 migranti dispersi nel Mediterraneo: interrogazione alla Commissione Europea

Ho cofirmato una interrogazione scritta indirizzata alla Commissione UE in merito alle 500 persone disperse pochi giorni fa nel Mar Mediterraneo, delle quali ancora non si hanno informazioni certe. Qui il testo che abbiamo inviato alla Commissione, coi colleghi Dimitrios Papadimoulis, Kostas Chrysogonos, Stelios Kouloglou, Kostadinka Kuneva, Barbara Spinelli, Curzio Maltese. “On April 13, a

Giù le mani da Bagnoli!

COMUNICATO STAMPA BAGNOLI – FORENZA (ALTRA EUROPA – GUE/NGL): «REPRESSIONE INAUDITA, SOLIDALE COI MANIFESTANTI. NO AL COMMISSARIAMENTO: GIù LE MANI DA BAGNOLI!» «Ancora una volta il governo si caratterizza per l’indegna ed inaudita repressione usata contro i manifestanti che giustamente contestano Renzi a Napoli – dichiara Eleonora Forenza, eurodeputata dell’Altra Europa – gruppo GUE/NGL –

Solidarietà ai detenuti del carcere di Siano: sì alle loro richieste per garantire pieno diritto alla salute

Tutta la mia solidarietà ai detenuti del carcere di Siano (Catanzaro), che, dopo la morte di una persona reclusa in questa struttura, alcuni giorni fa, a causa di un’infezione causata da un batterio pericolosissimo, chiedono giustamente, e grazie all’impegno dell’associazione Yairaiha, una procedura di screening di tutta la popolazione carceraria e una disinfestazione della struttura.

Olio Tunisia, bisogna tutelare agricoltori italiani e tunisini, liberalizzazioni hanno fallito e aumentato la crisi

COMUNICATO STAMPA OLIO TUNISIA – FORENZA (ALTRA EUROPA-GUE/NGL): «SALVINI VUOLE SOLO ALIMENTARE GUERRA TRA POVERI. TUTELARE AGRICOLTORI ITALIANI E TUNISINI, LE LIBERALIZZAZIONI HANNO FALLITO E AUMENTATO LA CRISI» «La nostra posizione sull’apertura dei negoziati per un Accordo di Libero Scambio Completo e Approfondito (ALECA) fra Tunisia e UE è molto chiara: dobbiamo difendere non solo